Scoprire Trapani e viaggiare della mano di Andrea Camilleri e del commissario Salvo Montalbano. Breve guida a cura di Giuliano Camilleri Rizzo

Bisogna chiudere li occhi e immaginarsi la Sicilia, come poteva essere.. come era quando i primi viaggiatori tra settecento e ottocento la scoprirono.. Le antiche rovine, le vestigia di civiltà millenarie ancora da scoprire. I contrasti tra una bellezza estrema e una estrema povertà materiale.. I nobili palazzi di Palermo e Catania, le strade assolate del centro dell’isola.. E poi Trapani, Erice e l’Isola di Mozia..

7264366

Andrea Camilleri, crea la sua Sicilia immaginaria prendendo in prestito le immagini che ci hanno lasciato di essa i viaggiatori che l’hanno scoperta e amata nel corso di oltre due secoli di viaggi. Tutto questo bagaglio dell’immaginario collettivo si mescola alle immagini che Camilleri conserva nel suo DNA di siciliano espatriato. Ricordi di luoghi odori e sensazioni che esistono solo nella nostra memoria e che non appartengono alla realtà in quanto fatto oggettivo. È una realtà soggettiva che appartiene al nostro vissuto e che mescolata con i luoghi attuali, crea una immagine idealizzata della nostra Sicilia.

img_20172

Quindi il nostro sarà un viaggio fatto utilizzando come guida le avventure del commissario Salvo Montalbano, alla ricerca dei luoghi veri e di quelli immaginati della nostra Sicilia:

Itinerario 1. Mozia e Il Cane di terracotta

Gita breve da farsi in giornata, partendo in macchina da Casa Rurale Baglio Papuzzi, in direzione prima di Trapani e poi in direzione Marsala.

mozia-index

L’imbarcadero per l’isola di Mozia si trova In Auto prendere uscita autostradale Marsala o Birgi. Percorrendo la strada statale SS 115 o (dall’uscita Marsala) o strada litoranea (dall’uscita Birgi). Girare a destra al secondo bivio per Mozia, in corrispondenza del ristorante “Mozia”. Dalla Città di Marsala: Percorrendo la strada provinciale Marsala per Trapani fino alla fine delle saline, a 6 Km dalla città. Girare a sinistra lungo la litoranea, seguendo la costa per circa 3,5.

 

“ … Livia riacquistò il buonumore, Mozia l’ammaliò, la meravigliò la strada appena sotto il pelo dell’acqua che congiungeva l’sola alla costa di fronte, l’incantò il pavimento a mosaico d’una villa, fatto di ciottoli di fiume bianchi e neri…” Il Cane di terracotta, p. 229

agrigento-montalbano-come-voleva-la-prassi

 

Siamo a San Pantaleo l’isola dove sorgeva l’antica Mozia. Il sito archeologico si trova in una zona d’acqua ferma detta Lo Stagnone, lungo la costa trapanese in direzione di Marsala. La città fu fondata dai Fenici nel VIII secolo a.C. distrutta da Dionisio II di Siracusa nel 397 a.C.  gli abitanti di Mozia fondarono Lilibeo sulla terra ferma l’attuale Marsala.

26751587843_50e9390ced_b

L’isola fu scavata da Giuseppe Whitaker, un facoltoso industriale vinicolo, proprietario dell’isola a principio del ‘900. Attualmente l’isola, che è proprietà della Fondazione Whitaker, si può visitare accedendo da un imbarcadero che porta direttamente sull’isola… La visita dura un’ora circa, consigliamo la visita nelle ore meno calde del giorno, il percorso attraverso gli scavi è indicato. Inoltre consigliamo di spendere un pò di attenzione al piccolo ma interssante Museo che fino a pochi anni fa conservava tutto il fascino di un museo dei primi del secolo.

Oggi in parte è stato ristrutturato ed alberga tra gli altri una stupenda statua di un auríga Il Giovane o Giovinetto di Mozia del 450 – 44a a. C.

La statua raffigura una figura maschile (un efebo) panneggiata, forse un auriga di scuola greca, fu probabilmente portata nell’isola di Mozia dai Cartaginesi dopo che ebbero saccheggiato Selinunte nel 409 a.C..

Esposta nelñ 1988 a Palazzo Grassi per la Mostra ” I Fenici” nel 2012 è stata esposta a Londra per le Olimpiadi e poi al Getty Museum di Los Angeles. Dal 2014 è tornata a Mozia al Museo Whitaker.

j-whitaker

Anuncios

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión /  Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión /  Cambiar )

Conectando a %s